Copy
Perché dobbiamo sempre sentirci in guerra?
27 marzo 2022
Ciao <<Nome*>>,

ne avevamo già parlato su Instagram, ma probabilmente avrai notato anche tu come chi prima si scagliava contro i vaccini o il green pass, adesso sostiene con convinzione le ragioni della guerra e di Putin.

Da quelli che dicevano che non c'era nessuna guerra e che era solo una simulazione voluta dall'Occidente (qui una serie di bufale smentite dalla BBC una per una) si è passati a chi invece sostiene che la guerra c'è, è stata voluta da Putin, ma per liberare il mondo dal deep state e dai satanisti mangia-bambini!

Poi ci sono quelli secondo cui la guerra è stata pianificata (indovina da chi?) da George Soros e Bill Gates, per distrarre il pubblico e preparare un nuovo virus... e quelli che ribadiscono che "no è stato Putin a scatenare la guerra, ma per salvare l'umanità da una nuova pandemia!"

Le fantasticherie complottiste, come si vede, sono senza limiti e chi le coltiva non si preoccupa di contraddirsi in continuazione.

Quella che però è sempre più evidente è la piena fusione tra coloro che prima manifestavano contro le vaccinazioni e ogni tentativo di ridurre i contagi ("Perché il Covid non esiste!") con quelli che negano qualunque responsabilità di Putin nella guerra ("Perché è colpa dell'Occidente!").

Quello che
diversi ricercatori stanno rilevando è che il passaggio da "noVax" a "sìPutin" è un segno che questi gruppi potrebbero continuare ad essere attivi dopo che la pandemia di Covid sarà passata, e prevedono che i sistemi di credenze malleabili delle folle anti-lockdown potrebbero collegarsi ad altre cause antigovernative in futuro.

Come ho avuto modo di argomentare a fondo ne Il mondo sottosopra, in queste persone c'è una sfiducia diffusa in tutto ciò che appare come istituzionale o "mainstream". Per quanto siano lodevoli e da incoraggiare l'anticonformismo e la capacità critica, qui vediamo qualcosa di diverso, ovvero il desiderio di sentirsi controcorrente sempre e comunque.

L'idea è che se la TV o i giornali dicono una cosa, allora deve essere vero l'esatto contrario. A volte può anche succedere, soprattutto nei regimi dittatoriali. In questo momento in Russia, per esempio, le immagini della distruzione provocata dai bombardamenti russi su Mariupol vengono mostrate come "prova della devastazione causata dagli ucraini in ritirata"

Ma pensare che questo avvenga sistematicamente, che tutto (ma proprio tutto!) quello che arriva da fonti istituzionali sia sempre falso, soprattutto nelle democrazie occidentali, è un bias che rende totalmente ciechi di fronte a qualunque tipo di evidenza verificabile e dimostrabile.


Per queste persone è vero solo ciò in cui vogliono credere. E le motivazioni sono le più diverse: il fatto di sentirsi emarginati, senza voce, minacciati dalla diffusione dei valori di uguaglianza, parità e antirazzismo; in molti c'è un anti-americanismo a oltranza e una diffidenza totale verso l'informazione tradizionale... Una quantità di sentimenti e ragioni che rende possibile l'aggregazione tra persone che normalmente si detesterebbero: dall'estrema destra all'estrema sinistra, dai sovranisti ai liberalisti, dai fanatici religiosi ai cultori New Age...

Come vedi, non c'è molto di nuovo in quello che sta succedendo. Ma c'è la conferma che chi è disposto a credere alle fantasie di complotto, passa con disinvoltura da una teoria all'altra: basta convincersi di avere capito tutto, di essere più furbi della massa e di lì a sentirsi "paladini del pensiero libero" è un passo breve.

La verità, come abbiamo detto tante volte, è che
convincersi che tutti mentano, siano ciechi o acquiescenti al potere non significa essere pensatori liberi, ma è solo un’altra forma di creduloneria.

Come se ne esce?
 
Temo non ci siano facili soluzioni. È un percorso lungo, che richiede l'impegno di tutti, istituzioni e singoli cittadini. È una strada che ci richiede di respingere disinformazione e falsità, ma anche di imparare ad ascoltare il disagio di chi si sente lasciato indietro.

Su questo punto, tra i tanti messaggi che mi arrivano, ne ho ricevuto uno nei giorni scorsi da un frate francescano di un santuario in Toscana che ti vorrei condividere.

«Dopo aver letto “Geniale” e “Il mondo sottosopra"» mi scrive il frate «ho sentito di doverla ringraziare per il suo lavoro e soprattutto per le sue passioni. Grazie per il modo "scientificamente umano" con cui tratta gli argomenti non perdendo mai di vista la verità sull’uomo e sul dono della vita in ogni direzione».

Ricordarsi sempre che siamo tutti esseri umani, con tanti pregi e tanti difetti, che possiamo vederla diversamente su tante cose, ma che ci dovremmo sforzare di trovare un punto comune di contatto, è forse l'unico modo che ci resta per evitare di sentirci nemici, gli uni in guerra contro gli altri.


E ora, diamo il via a questo nuovo Avviso!

DIARIO DI BORDO

La foto della settimana è questa:

 
Massimo su Topolino
Un difficilissimo quiz per te: chi sarà il personaggio nascosto? Scherzi a parte, è sempre un piacere grande vedersi citati su una testata come Topolino. Ho un particolare affetto per il Topo, perché da bambino era una delle letture che condividevo con mio nonno Erminio. Aspettava la domenica, dopo una settimana di lavoro, per tuffarsi in quella che considerava la lettura più piacevole. Poi, naturalmente, quando aveva finito lo passava a me... 
sARRIVI E PARTENZE 
 
Questi sono i video che ho condiviso sul mio canale YouTube questa settimana. Iniziamo da "La stanza delle meraviglie":
  • L'uomo del 2000: un ROBOT degli anni '30. Nel 1934, una curiosa esibizione circolava per fiere e teatri del Nord Italia: era l’Uomo del 2000, meraviglia dell’ingegneria, l’ultimo ritrovato in fatto di robot. L’uomo meccanico parlava, cantava, camminava, scriveva, rispondeva ai comandi dei suoi manovratori per la gioia del pubblico. Eppure, tra i suoi ingranaggi custodiva un segreto, che sarebbe ben presto finito in tribunale…GUARDA 
  • Il meccanismo di ANTICITERA. Che cos’è di preciso il meccanismo di Anticitera, cioè quello stranissimo congegno ritrovato in fondo al mare, nei pressi dell’isoletta di Anticitera, al largo di Creta, che si calcola avrebbe circa 2000 anni ma che sembra essere troppo complesso per essere così antico? Prova dell’esistenza di antiche civiltà evolute? O la dimostrazione che gli antichi erano forse molto più ingegnosi di quanto di solito diamo loro credito? GUARDA
Strane Storie, invece, abbiamo parlato di:
  • L'ultima "STREGA" d'Irlanda: il caso di Bridget Cleary. Il 15 marzo 1895, in Irlanda, viene uccisa la giovane Bridget Cleary. O perlomeno quella che dovrebbe essere Bridget Cleary. Qualcuno, infatti, sospetta che si tratti in realtà di una "changeling", cioè di una creatura sovrannaturale che prende il posto di un essere umano dopo che questo è stato rapito dal Piccolo popolo irlandese. Ma davvero una misteriosa creatura con le fattezze di Bridget l’ha sostituita nella sua vita quotidiana? E se così fosse dov’è finita la ragazza?  GUARDA
TERRA IN VISTA

Oggi condivido con te questi spunti per approfondire:
  1. Il ritorno dei fachiri! Nei giorni scorsi ho ospitato l'amico Gigi Garlaschelli su Instagram, dove ha presentato la riedizione di uno dei primi libri che avevamo scritto insieme, I segreti dei fachiri, e ha dimostrato un esercizio... particolarmente disgustoso di fachirismo (e, forse proprio per questo, a grande richiesta presto porterò Gigi anche in una LIVE su YouTube!) GUARDA
  2. Inarrestabile Homo Sapiens. Ha presentato a Bologna, in conversazione con l'amico Marco Malvaldi, la sua nuova serie rivolta ai ragazzi: "Gli inarrestabili". Parlo dello storico israeliano Yuval Noah Harari che pubblicherà per Bompiani quattro volumi, rivolti ai ragazzi, che ha presentato come “una storia epica degli esseri umani, dai più creativi ai più distruttivi del pianeta”. La presentazione è ora online: GUARDA
  3. A proposito dell'ipotesi della simulazione. Anche di questa ho parlato ne Il mondo sottosopra: è l'idea secondo cui vivremmo in una gigantesca Matrix, presa sul serio anche da stimati filosofi e pensatori. Non si può escludere, certo, ma al momento resta un atto di fede. Tuttavia, l'argomento è ben discusso in un articolo su Il Post che prende spunto da un nuovo libro, del filosofo australiano David ChalmersReality+: Virtual Worlds and the Problems of PhilosophyLEGGI
  4. Gli italiani riconoscono le bufale? ll 73% ne è convinto, ma pensa anche che quasi tutti gli altri siano creduloni. Una pia illusione. È solo uno dei risultati contenuti nell'interessante inchiesta di Ipsos e IDMO, l’osservatorio nazionale contro la disinformazione in rete, sul rapporto tra gli italiani e l'informazione. LEGGI
  5. Diventare volontari del CICAP Fest! Sta per chiudersi il 31 marzo l'occasione di partecipare al CICAP Fest in veste di volontari. Diventare volontari del Fest è un’esperienza unica, che farà vivere il festival da una prospettiva diversa ed esclusiva! Scopri come partecipare, non te ne pentirai: LEGGI
  6. Scuole, studenti e insegnanti: arriva il CICAP Fest EDU. Dal 26 al 29 aprile, il CICAP Fest presenta una serie di incontri in streaming rivolti sia agli studenti che agli insegnanti. Tutte le classi e gli insegnanti potranno iscriversi agli incontri prescelti e collegarsi gratuitamente per seguirli in streaming. Scopri il programma degli appuntamenti e iscriviti o fai iscrivere la tua classe o quella dei tuoi figli: GUARDA
ECHI DALL'ISOLA

Tra i nuovi contenuti che ho pubblicato sulla mia Isola del mistero, la mia pagina Patreon, puoi trovare: Se anche tu apprezzi il mio lavoro, se pensi che sia importante diffondere una mentalità critica e scientifica e vuoi darmi una mano per continuare a realizzare (gratuitamente per tutti) i miei video, le mie serie, gli incontri con le scuole, il podcast e tanto altro, puoi sbarcare sull'Isola del mistero e avere così accesso a tanti contenuti esclusivi. 
 
Grazie per avermi letto anche oggi! Ti ricordo che giovedì 31 marzo, alle 18.00, sarò alla libreria Feltrineli di Verona per presentare Geniale: se sei in zona, mi raccomando, passa a salutarmi. Ci tengo!

A presto,
msm

P.S. Mentre scrivo sto ascoltando What's going on di Marvin Gaye. Quanto mai attuale.


I prossimi appuntamenti online:
 

STRANE STORIE ogni venerdì alle 13.30.

LA STANZA DELLE MERAVIGLIE ogni lunedì e mercoledì alle 13.30.

IL CASO KENNEDY il sesto episodio è in preparazione.

UNO STUDIO IN NERO la nuova stagione della mia serie sui fatti criminali ancora pieni di misteri tornerà in estate.



ARCHIVIO

Puoi accedere agli arretrati dell'Avviso ai Naviganti da questo link.


Se questa mail ti è stata inoltrata da qualcuno e vuoi iscriverti per ricevere anche tu l'Avviso ai Naviganti, clicca qui.

VUOI DARE UNA MANO? GRAZIE, VOLENTIERI!


Chi volesse comunque darmi una mano potrebbe... regalarmi un libro. Lo apprezzo sempre molto.
 
SCOPRI LA MIA LISTA DEI DESIDERI

Oppure potrebbe contribuire al progetto del Tour dei Naviganti che quest'estate ci porterà a incontrarci:

SCOPRI IL PROGETTO DEL TOUR
Share Share
Tweet Tweet
Forward Forward
Share Share


Copyright © 2022 Massimo Polidoro Studio, Tutti i diritti riservati.

home  |  corsi  |  patreon  |  libri  |  youtube  |  podcast  |  contattami  |  tipeee


Email Marketing Powered by Mailchimp