Copy
Chiara Gribaudo newsletter n.4/2015
Cari tutte, cari tutti
Come tutti sapete stiamo arrivando al dunque sulla questione della legge elettorale e naturalmente il dibattito mediatico e politico è molto concentrato su questo punto.
Molti di voi vorranno sicuramente avere più dettagli sull'Italicum (qui potete trovare un breve dossier), ma in questa mia introduzione, vorrei non perdere di vista due temi da non relegare a letture marginali. Per questo condivido con voi il profondo dolore e preoccupazione per quanto succede in Nepal: un paese già povero, su cui oggi si abbatte una tragedia immane. Distrutte le poche infrastrutture, cancellate la gran parte delle abitazioni, persi per sempre patrimoni culturali di inestimabile valore. Oltre 5mila le vittime accertate, 10mila quelle temute, innumerevoli gli sfollati. Le esigenze, ora, sono urgenti ed elementari: luce, medicine, cibo, acqua potabile, vestiti, ripari. Ma gli stessi aiuti internazionali sembrano ancora una goccia nel mare del bisogno, in un territorio così vasto e impervio, con molte zone tutt’ora abbandonate a se stesse.
Mi ha colpito un quotidiano di questi giorni, titolava: “soccorsi impossibili”. Forse, questo è l’aspetto che lascia più esterrefatti, e che lega sottilmente la tragedia himalayana con quella che continua a consumarsi nel Mediterraneo, che è l'altro tema di cui voglio scrivervi.
Appena qualche giorno fa, di fronte alla Sicilia, l’ennesima strage ha preso la vita di oltre 700 migranti (secondo le stime dell'Unhcr, sono già oltre 1.500 le vittime solo dall’inizio del 2015).
Il Governo italiano ha fatto bene a richiedere con forza il Consiglio europeo straordinario, che ha ottenuto qualche piccolo risultato. Ma l’insieme degli stati non è andato al cuore del problema, che non è solo nel portafoglio, ma nel vocabolario. Si è infatti triplicato lo stanziamento (insufficiente di fronte ad un problema di portata storica) ma non sono cambiati i termini operativi, fermi al solo “pattugliamento”, mentre servirebbe ritornare almeno alla “ricerca e soccorso” di Mare Nostrum.
Mi tornano in mente le parole di Papa Francesco a Lampedusa, l’8 luglio 2013: “Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro… La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti ‘innominati’, responsabili senza nome e senza volto”.
Come è capitato? Quando abbiamo smesso di provare compassione e solidarietà umana? Quando ci siamo arresi di fronte ai peggiori populismi, ai peggiori interessi elettorali, ai veti opachi della diplomazia?
Nella pratica, nel Mediterraneo serve un’operazione veramente europea, non solo di polizia ma umanitaria, una valutazione dell’asilo già nei paesi di transito e una cooperazione vera con i paesi del Nord Africa per lo sviluppo politico e civile. Ma forse, più semplicemente, servirebbe porre fine all’esitazione e al cinismo, recuperando solo la capacità di com-muoverci.
Un caro saluto e che possa essere un buon 1 maggio.
Chiara
PARTIGIANI ACCOLTI “A CASA LORO” A MONTECITORIO

La mattina del 16 nell'Aula di Montecitorio decine di partigiani si sono seduti accanto a noi per aprire le celebrazioni del 70° anniversario Liberazione, alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella, e dei presidenti di Camera e Senato. Tra di loro, c’era anche una delegazione della provincia di Cuneo, proveniente da Mondovì. [leggi]

CAVALIERI DELLA LIBERAZIONE: CONSEGNATE LE PRIME 70 ONORIFICENZE, ISTITUITE COL SOSTEGNO DEL TERRITORIO

Qualche giorno dopo a Palazzo Barberini il Ministro della Difesa ha consegnato le prime 70 medaglie a 70 partigiani “Cavalieri della Liberazione”. Un’onorificenza istituita per queste donne e uomini, che allora fecero una scelta, oltre ogni individualismo, per il bene comune e per quella libertà. [leggi]
LEGGE ELETTORALE IN VOTAZIONE ALLA CAMERA
Mentre scrivo questa newsletter, si è da poco aperta in Aula la discussione sulla nuova legge elettorale. Già nello scorso numero [leggi], nell’introduzione, avevo speso alcuni ragionamenti su questo importante dibattito.
Ora siamo in dirittura d’arrivo, consci che le prossime ore saranno importanti non solo per le sorti del PD e del Governo, ma del Paese.
Ho molto condiviso la presa di posizione che anche localmente ha voluto esprimere Rifare l’Italia: credo che riassuma bene sia il dettaglio tecnico che quello politico di alcune scelte, ma soprattutto la natura del contributo che è stato portato in questa fase delicata.
Qui il link per poter leggere la nota [leggi]

NUOVA “NASPI”: DOPO GLI INGONTRI A NAPOLI E SORRENTO, POSITIVA SOLUZIONE PER I LAVORATORI STAGIONALI
La recente revisione della Naspi per gli stagionali è una buona notizia: il Governo ha compreso le difficoltà e la particolarità di questa categoria che gli avevamo rappresentato.
Con l’introduzione della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale, la cosiddetta Naspi, infatti la situazione dei lavoratori stagionali rischiava di essere penalizzata. [leggi]

PICCOLI COMUNI: 100 MILIONI PER I NUOVI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI, APERTO L’INVIO DELLE RICHIESTE
Qualche info utile per i piccoli comuni: il 28 aprile è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Convenzione tra Ministero dei Trasporti e Anci per i “Nuovi progetti di intervento” per i piccoli Comuni: 100 milioni di euro per progetti di opere infrastrutturali nei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, in attuazione dell’articolo 3 dello Sblocca Italia. [leggi]

DIVORZIO BREVE: FINALMENTE UNA LEGGE CHE SPOSA LA CIVILTA’
Finalmente, il divorzio breve è stato approvato in via definitiva con 398 voti a favore e solo 28 contrari.
Oltre allo snellimento di procedure e contenziosi, il suo maggiore significato resta culturale, affinché torni finalmente ad esserci coerenza tra la giurisprudenza e la società. [leggi]

EXPO 2015: INTERROGAZIONE SULLE ASSUNZIONI DEI GIOVANI
A qualche giorno da Expo 2015, il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo in cui, sulla base dei dati di Manpower, riferisce la presunta difficoltà nel selezionare abbastanza personale tra i 18 e i 30 anni.
Molti candidati hanno reagito raccontando una storia diversa. Ho voluto interrogare il Ministro chiedendo se non ritenga opportuno, per quanto di propria competenza, intervenire per far chiarezza in questa situazione. [leggi]

FRANCA ACQUARONE, GIORGIO FERRARIS, UGO MOIRANO, ROMANO NICOLINO, GIAMMARIO ODELLO, MARIAPIA PEIRANO, CRISTINA RAVA, PAOLA SCOLA, MARIA TARDITI, BRUNO VALLEPIANO -
I RACCONTI DEL TRENO
24-25 APRILE: RICORDO NON SOLO DA CELEBRARE, MA DA “VIVERE”

Le giornate del 24 e 25 aprile sono state un vero ed emozionante turbine, tra Boves, Cuneo e la “mia” Borgo San Dalmazzo. [leggi]

A SAVIGLIANO CON I GIOVANI DEMOCRATICI: ATTUALIZZARE L’ANTIFASCISMO, GUARDANDO ALLE NUOVE DESTRE E ALL’EUROPOPULISMO
Tra le varie iniziative in programma in vista del 25 aprile, sono stata particolarmente contenta di aver partecipato alla serata organizzata a Savigliano dai Giovani Democratici. dal titolo: “Destre vecchie e nuove all'epoca dell’europopulismo”. [leggi]

“PARTI GIA’? NO”: SPETTACOLO TEATRALE CHE RACCONTA, INSEGNA…E RESISTE
"Parti già? No" è uno spettacolo teatrale sulla Resistenza. La pagina Facebook dello spettacolo nei giorni precedenti alla Liberazione è stata ignobilmente bersagliata da commenti e post di chiara ispirazione fascista. [leggi]
DOPO L’INCONTRO A VALDIERI, ALCUNE RIFLESSIONI SUL FUTURO DEI PARCHI MARITTIME E MARGUAREIS

Serve un passo solido e ritmato, il passo del montanaro, che mette un piede dopo l'altro, avendo chiari gli obiettivi. Mai come in questo momento occorre ripensare non solo a come uscire dalla crisi, ma anche a come lo facciamo. Il nostro territorio può vantare grandi risorse naturali, paesaggistiche e culturali. Alcune zone della provincia, come le Langhe o recentemente il saluzzese, stanno lavorando molto e bene per mettere a sistema le proprie potenzialità. A sud, il Parco delle Alpi Marittime e quello del Marguareis rappresentano due realtà di sicuro valore nazionale ed internazionale. [leggi]

L’OCCUPAZIONE ANCORA DIFFICILE IN PROVINCIA DI CUNEO: IMPORTANTE TENERE ALTA LA GUARDIA 
E’ sempre meglio ricordare una volta in più, piuttosto che una in meno, che qualche segno di miglioramento nella situazione economica ed occupazionale nazionale non può e non deve distrarci dalle conseguenze della Crisi che ancora mordono la nostra provincia in molte realtà. [leggi]

MICHELA MARZANO A CUNEO PER “NON SEGUIRE IL MONDO COME VA”

Lo scorso sabato 18 aprile, Michela Marzano è stata a Cuneo ospite di Rifare l’Italia, per presentare il suo nuovo libro “Non seguire il mondo come va”, insieme ad Andrea Pacella, coordinatore dell’associazione nel Piemonte 2. Non c’è dubbio che quello di Michela sia un punto di vista decisamente originale e libero.
[leggi]

ASSEMBLEA ASTRA: LOTTA AL DUMPING SOCIALE CHE MINACCIA AZIENDE E LAVORATORI
Domenica 19 si è svolta a Marene l’importante assemblea annuale dell’ASTRA, l’associazione degli autotrasportatori. E’ stata l’occasione per tornare insieme su una importante questione già affrontata con le parti sociali in un momento di approfondimento l’estate scorsa, e su cui abbiamo continuato a confrontarci in questi mesi: il dumping sociale generato dalla cattiva pratica di alcune aziende, che sfruttano il distacco intracomunitario dei lavoratori nell’UE per abbattere i costi. [leggi]

LA TROBA KUNG FU' - A LA PANXA DEL BOU
Per poter tenere un contatto più diretto con elettori, simpatizzanti o con chiunque abbia piacere di ricevere informazioni, presentare richieste o proposte, ho pensato di attivare un servizio di "sportello" presso la sede Pd di Cuneo, in via Fratelli Vaschetto 8 [vedi mappa], preferibilmente su appuntamento:
. sabato mattina dalle ore 9,00 alle ore 10,00
. lunedì dalle 8,30 alle 9,30, compatibilmente con i lavori della Camera dei Deputati, sarò presente personalmente al ricevimento.

Per ogni informazione, si può contattare il numero 391.1326700 (segreteria)
Sito
Sito
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Instagram
Instagram
YouTube
YouTube
Email
Email

Gli indirizzi mail che ricevono questa newsletter fanno parte di contatti avuti in occasione di incontri, conferenze e da conoscenze personali. I dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Ai sensi dell'art. 130 del D.Lgs n. 196/2003, è possibile cancellarsi, inviando una mail a conchiaragribaudo@gmail.com con oggetto cancellazione da mailing list. 
Questa mailing list è legata all'attività dell' On. Chiara Gribaudo - Camera dei Deputati, Roma
conchiaragribaudo@gmail.com

Vuoi cancellarti dalla mailing list?