Copy
Chiara Gribaudo newsletter n.7/2015
Care tutte, cari tutti,
i fatti di Parigi sono tornati a sorprenderci nelle nostre case, a scuoterci e a commuoverci. I seguaci dell’Isis colpiscono a nord, nel cuore della civiltà europea moderna.
Nel frattempo, a sud, una nuova offensiva di Boko Haram ha provocato oltre duemila morti. 
In tutti i casi, si tratta di vittime innocenti di una barbarie che va fermata. Anche l’Occidente ha le sue responsabilità per la nascita e la crescita recente dello Stato Islamico. Questo è però il momento dell’unità e della fermezza: non solo sul campo, ma innanzitutto nel non smarrire ciò che la società europea è e rappresenta. Cioè proprio quello che i jihadisti vorrebbero distruggere: un pezzo di mondo con molti problemi e diseguaglianze, che è però anche luogo di diritti, di dialogo, di democrazia, di mescolanza.
A Parigi i morti provenivano da 14 Paesi: Francia, Algeria, Belgio, Gran Bretagna, Cile, Germania, Messico, Marocco, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Tunisia, Usa e, purtroppo, anche Italia. 
Mentre scrivo, è da poco partito l’attacco dell’aviazione francese sul quartier generale di Raqqa, nel nord della Siria. Sappiamo però che la sola forza non basterà. Il nostro impegno non potrà essere solo all’esterno, ma - di fronte ad attentatori che spesso appartengono alle seconde o terze generazioni di cittadini europei - deve essere anche dentro l’Europa stessa.
Per questo, l’impegno per l’integrazione non deve essere indebolito, ma rafforzato. Serve una strategia di prevenzione del radicalismo che coinvolga tutti gli attori sociali insieme alle comunità musulmane. L'uso della forza, forse inevitabile, da solo comunque non basterà. Quella al fondamentalismo è infatti una guerra anomala, che si combatte su più terreni e con armi diverse: insieme ad un forte intervento internazionale, che auspico unitario, va stretta una alleanza con il mondo musulmano moderato, largamente rappresentato anche nei nostri Paesi. L’estrema destra ha subito approfittato della tragedia per rinfocolare lo stesso odio che fa il gioco dei terroristi, dimenticando che i rifugiati sono in fuga dagli stessi nemici che ora colpiscono noi. Il loro obiettivo è creare una frattura profonda e insanabile nella società europea, alimentando un il sospetto e la paura per farci tornare indietro proprio su quei terreni di civiltà e di diritto che dicono cos’è l’Europa, cosa siamo noi. Dobbiamo invece saper distinguere tra chi è un pericolo da chi è in pericolo, trovando la forza di non chiuderci e di essere uniti nella lotta ad ogni fanatismo. Non possiamo dargliela vinta, abbiamo il dovere di restare umani.
Fortunatamente, come in occasione dell’attacco a Charlie Hebdo c’è stata una reazione forte e spontanea dei cittadini europei. Anche a Cuneo ci siamo ritrovati davanti al Municipio per accendere una candela in ricordo delle vittime e per far arrivare il nostro cordoglio alle famiglie. La paura è grande, ma è anche da queste risposte spontanee che viene la speranza.
L’articolo di Valeria aveva un titolo bellissimo che, letto oggi, suona ancora più forte e toccante: “Allez les filles, au travail!”.
Per onorare la sua memoria e quella dei tanti come lei, il nostro lavoro ritrova un senso ancora più profondo e carico di responsabilità.
Un abbraccio a ciascuno di voi.
Chiara
FINALMENTE UN JOBS ACT PER IL LAVORO AUTONOMO
Alla fine la promessa è stata mantenuta ed è stato annunciato dal Governo l’intervento sul lavoro autonomo al quale abbiamo lavorato in questi mesi. Il Pd, ancora nella giornata di confronto che ho contribuito ad organizzare a Largo del Nazareno domenica 11, aveva preso con il lavoro autonomo impegni chiari, su proposte finalmente condivise e dettagliate. Le ha raccolte la proposta di legge che ho presentato come prima firmataria e che credo potrà essere, ora, una base avanzata da cui partire. [leggi]

LA CAMERA APPROVA IL NUOVO CODICE ANTIMAFIA
La Riforma del Codice Antimafia è stata approvata a maggioranza dalla Camera. Consentirà di fare una lotta di sistema alle organizzazioni criminali che verranno colpite al cuore, cioè nelle loro ricchezze illecite. Il provvedimento nasce dall’esigenza di rendere organici gli interventi frammentati e risolvere varie criticità. La legge amplia i soggetti attivi e passivi, tutela i terzi creditori, evita il fallimento delle aziende e tutela chi ci lavora: cioè colpisce gli fa gli illeciti e salvaguarda le attività che possono e devono continuare a stare nei territori. Fra le novità più importanti: la creazione di un Fondo di garanzia per le aziende sequestrate. La lotta alle mafie diventa così più rigorosa ed incisiva. Per approfondire [leggi]

EDILIZIA SCOLASTICA, 110 MILIONI SUBITO UTILIZZABILI
L’intervento per l’edilizia scolastica è uno dei più importanti fra quelli contenuti nel Il Dl n.154/2015 modificato in molte parti dalla Camera, ed ora passato al Senato. Nel provvedimento, anche aiuti alle imprese in difficoltà e alle zone colpite dal maltempo, utilizzo di lavoratori in attività socialmente utili, amministrazione straordinaria delle imprese e interventi per alcuni territori colpiti da eventi meteorologici. Per le scuole, è previsto l'immediato utilizzo di risorse già assegnate dal Cipe per interventi sul decoro e la funzionalità degli edifici scolastici previsti da 'La buona scuola'. per 110 milioni di euro.
Questi fondi rientrano nel programma «scuole belle», elaborato in seguito all’accordo del 28 marzo 2014 tra Ministero del lavoro e delle politiche sociali, MIUR e parti sociali.

LA PROTEZIONE DELLE MONTAGNE ALLA CONFERENZA COP21 DI PARIGI
Anche la protezione della montagna dovrà rientrare nelle politiche per la salvaguardia degli ecosistemi e la protezione dai cambiamenti climatici che saranno trattati alla prossima conferenza sul clima Cop21 di Parigi. Lo abbiamo ribadito lo scorso venerdì alla Camera, nel corso di un incontro promosso dall’Intergruppo per lo Sviluppo della Montagna insieme con la rete Mountain Partnership. Di fronte al rischio che ecosistemi fragili come quelli alpini vengano irrimediabilmente modificati e compromessi, bisogna finalmente avere una strategia comune e immediata: si tratta di una responsabilità alla quale i governi non possono più sottrarsi. I Ministeri degli Esteri e dell'Ambiente dell’Italia si sono impegnati a presentare la petizione per le montagne davanti alla plenaria della Conferenza di Parigi. Un’occasione importante da cogliere.

COLOMBARI M. GRAZIA - NON C'ERA UNA VOLTA LA DONNA...

FRANCESCO DE GREGORI - DE GREGORI CANTA BOB DYLAN - AMORE E FURTO
20 NOVEMBRE: IL VICESEGRETARIO NAZIONALE DEL PD LORENZO GUERINI A CUNEO

Venerdì 20 novembre, il Vicesegretario nazionale del PD, Lorenzo Guerini, sarà a Cuneo per l’iniziativa organizzata insieme al Circolo cittadino dal titolo “Ricostruire il partito, ricostruire il Paese”.
Sarà un’occasione per riflettere sulla legge di Stabilità che prevede importanti misure per i cittadini, gli enti locali e le imprese e sul ruolo che può e deve avere un partito radicato e di governo.
L’appuntamento è per venerdì 20 novembre alle ore 18 presso la sala del Centro di Documentazione Territoriale in largo Barale 11 a Cuneo. [mappa]

MICHELIN, INTERROGAZIONE PARLAMENTARE PER CHIEDERE UN TAVOLO NAZIONALE

Quella della riorganizzazione annunciata Michelin (con la chiusura di alcuni siti, tra cui Fossano) non è una questione locale ma nazionale, e come tale va affrontata. Servono attenzione e pragmatismo: per questo ho subito depositato una interrogazione firmata anche da numerosi colleghi provenienti da tutta Italia, per chiedere un tavolo al ministero.
Il Ministro Guidi ha espresso disponibilità e questa settimana dovrebbe arrivare la risposta in Commissione alla Camera (dopo che settimana scorsa è saltata a causa dell’ostruzionismo). [leggi]
23 NOVEMBRE: STABILITA’ E LAVORO AUTONOMO AL CIRCOLO DI DOGLIANI
Il Circolo territoriale di Dogliani del Partito Democratico ha organizzato per lunedì 23 novembre una serata di incontro e di dibattito aperto a tutti, per spiegare i contenuti della proposta di uno Statuto per i lavori autonomi e della Legge di Stabilità.
Appuntamento quindi alle ore 20,45 presso la Biblioteca Civica “L. Einaudi”.
Continua la rassegna di storie di giovani e di lavoro: in questo numero, il racconto dell’esperienza di Silvia Giamello e di suo marito Simone, che hanno aperto "Briciole di natura" una bottega dove producono prodotti da forno senza glutine, senza coloranti e conservanti, a Diano d’Alba. [leggi]

Per poter tenere un contatto più diretto con elettori, simpatizzanti o con chiunque abbia piacere di ricevere informazioni, presentare richieste o proposte, ho pensato di attivare un servizio di "sportello" presso la sede Pd di Cuneo, in via Fratelli Vaschetto 8 [vedi mappa], preferibilmente su appuntamento:
. sabato mattina dalle ore 9,00 alle ore 10,00
. lunedì dalle 8,30 alle 9,30, compatibilmente con i lavori della Camera dei Deputati, sarò presente personalmente al ricevimento.

Per ogni informazione, si può contattare il numero 391.1326700 (segreteria)
Sito
Sito
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Instagram
Instagram
YouTube
YouTube
Email
Email

Gli indirizzi mail che ricevono questa newsletter fanno parte di contatti avuti in occasione di incontri, conferenze e da conoscenze personali. I dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Ai sensi dell'art. 130 del D.Lgs n. 196/2003, è possibile cancellarsi, inviando una mail a conchiaragribaudo@gmail.com con oggetto cancellazione da mailing list. 
Questa mailing list è legata all'attività dell' On. Chiara Gribaudo - Camera dei Deputati, Roma
conchiaragribaudo@gmail.com

Vuoi cancellarti dalla mailing list?