Notiziario con le novità di Copac per clienti e soci

Notiziario del 25 novembre 2014

Vi proponiamo in questo notiziario tante idee per il vostro Natale: prodotti altrimenti introvabili, per il vostro piacere e per quello dei vostri amici, regali che vi faranno ricordare.

Contenuto del notiziario
Tornano le arance di Nonno Lino:ricordate...
L'azienda agricola Casale: produttori biodinamici di vini straordinari
Evento degustazione: sabato 29 novembre "Dolce Piemonte"
Degustazione del vino delle cantine Povero l'offerta continua.
La struttura della carne: parte seconda
Prenotazioni
Gli animali da cortile dell'azienda Insilvis
Carni bianche di Noi e la Natura
I dolci di Damiano
Prenotazione del vino Goccio, ultimi giorni
Le prenotazioni dell'estratto di Aloe

 

 

Tornano le arance di Nonno Lino: ricordate....

Questa primavera abbiamo aderito alla campagna di solidarietà per l'azienda agricola Somma di Paternò a cui hanno bruciato interamente i macchinari e il capannone di lavorazione causando un danno che si aggira sul mezzo milione di euro; come detto allora non coperto da assicurazione perché nessuna compagnia vi assicura un podere di campagna. Per ricordare i dettagli potete rileggere le news di allora: la prima di gennaio e le successive di febbraio
Con il vostro aiuto siamo riusciti a distribuire decine di cassette di ottime arance tarocco.
La nuova stagione di raccolta inizia ora e i fratelli Somma hanno lavorato tutto l'anno per avere un raccolto, comprenderete che i mezzi sono limitati e hanno dovuto acquistare i mezzi indispensabili per muoversi nel frutteto e per irrigarlo quest'estate.
Alla fine di questa settimana arriverà un primo carico di arance Navel, successivamente ci saranno le Tacle,  un incrocio tra  clementine e arancio Tarocco, da cui deriva  il nome Ta -Cle.

La buccia ha un colore arancio intenso con presenza di pigmentazione antocianica.  La polpa ha un colore arancio intenso con screziature antocianiche. 
Il Tacle ha un sapore intermedio fra il Clementine e il Tarocco.
E' un frutto di ottimo sapore, ma di raccolta difficile, anzi pericolosa perché le piante sono dotate di acutissime spine, sarebbe meglio dire punte, che facilmente feriscono il raccoglitore che si addentra tra i rami.

Una cassetta di arance Navel pesa circa 13 kg. e costa 20 euro.
Vi chiediamo di prenotare la vostra cassetta ma soprattutto di diffondere il messaggio ai vostri parenti e conoscenti, perché consumando queste arance si ottengono tanti benefici:
  • il primo è alla propria salute perché sono arance biologiche, non trattate e cresciute naturalmente
  • Il secondo è al piacere del gusto, perché sono freschissime, dalla raccolta alla vostra tavola passano pochissimi giorni.
  • Il terzo è morale perché si aiuta una famiglia a risollevarsi da un evento criminale e vile.
Non sto ad elencare gli altri: avete già capito.

Quindi aspettiamo le vostre richieste, sia per le Navel che per le Tacle, delle quali vi sapremo precisare prezzo e date di arrivo.
 L'anno prossimo ci sarà poi l'arrivo in massa delle tarocco che già avete apprezzato.
Mi raccomando, fate girare la voce e raccogliete le richieste dei vostri amici, parenti e colleghi di lavoro.
 

L'azienda agricola Casale, produttori biodinamici di vini straordinari

Stiamo per ricevere una partita di bottiglie da quest'azienda, di cui vi abbiamo già parlato lo scorso anno nella newsletter,  arriverà Trebbiano e Sangiovese. Le migliori bottiglie di Gilioli non le metteremo sullo scaffale: sono troppo preziose.
Sono un Chianti DOC e un Chianti Superiore, entrambi a certificazione Demeter, che hanno entusiasmato gli intenditori. Il secondo che ha già un decennio alle spalle rivaleggia negli assaggi con le migliori bottiglie di Brunello.
Chi vuole assicurarsi una tale meraviglia, per sé o per fare regali, deve fare una richiesta subito: ricevuta la mail chiamare Copac! possiamo aggiungerle all'ordine entro mercoledì 26: domani!
Il Chianti si vende a 11,7 euro, mentre il Chianti riserva è a 19,70 euro, prezzi importanti per bottiglie uniche.

 

Evento degustazione: sabato 29 novembre "Dolce Piemonte" 

Assaggi di biscotti e Lamorresi con degustazione del moscato delle cantine Povero. Saranno in vendita i Lamorresi e si potranno prenotare bottiglie di moscato, sia Asti DOCG che Spumante e biscotti alla meliga e alle nocciole e cioccolato.
Cosa sono i Lamorresi?
I Lamorresi sono praline di cioccolato il cui nome deriva dal luogo di produzione (La Morra). Essi racchiudono nel loro impasto i prodotti tipici della terra piemontese: la nocciola e il vino Barolo cru Brunate. Ma ci sono anche nei gusti: alla Grappa di Barolo, alla Grappa di Moscato e al Rhum. Squisite prelibatezze da consumarsi in ogni momento e soprattutto a fine pasto.
E' una proposta per i vostri regali di Natale con prodotti esclusivi e di gran classe, che a Varese trovate solo da Copac, 

 

Degustazione del vino delle Cantine Povero

Sabato scorso, approfittando del nuovo ripiano, degustazione del vino Barbera prodotto dalle Cantine Povero e presentazione degli altri vini piemontesi provenienti dalle loro vigne delle Langhe, del Roero e dal Monferrato, accompagnandoli da assaggi del Parmigiano Reggiano di Montagna e di vari stuzzichini e Langallette.

Abbiamo fatto il confronto tra il Garavaga, Barbera d'Alba DOC Superiore 2012 , e il Dianae, Barbera d'Asti Docg 2013 senza solfiti aggiunti.

Il Barbera d’Alba Superiore, affinato per 12 mesi metà in barrique e metà in botte di rovere, si presenta di colore rosso rubino intenso, il profumo è particolarmente vinoso, ampio e persistente. Il sapore è asciutto, caldo e pieno senza ruvidezze. Si coglie su tutto la pesca, ma anche la liquirizia e le spezie. La temperatura ideale è intorno ai 18°; va servito, di rigore, con gli arrosti e si accompagna bene, tra l’altro, con la selvaggina e i formaggi stagionati.

 

Dianae è un vellutato Barbera d’Asti senza solfiti aggiunti, affinato sei mesi in acciaio.
Di colore rosso rubino intenso, ha un profumo vinoso, ampio e persistente ed un sapore asciutto, caldo e pieno. Si consuma con carni rosse e formaggi stagionati, ma si presta ugualmente bene ad accompagnare anche primi e salumi.
Nasce da un progetto in collaborazione con l'università di Torino per evitare l'aggiunta di solfiti a quelli naturalmente presenti dopo la fermentazione. Oltre alla scelta dei grappoli migliori e perfettamente sani viene curata la sterilizzazione a vapore degli impianti e la conservazione sotto azoto in modo da evitare ogni ossidazione.

Grande successo per questo vino, al punto che abbiamo finito le bottiglie disponibili lasciando insoddisfatte molte richieste. 

Per chi è rimasto a bocca asciutta, ma anche per chi non ha potuto venire sabato, abbiamo deciso di prolungare per tutta la settimana l'offerta di prova:

Fino a 30 novembre, e' possibile prenotare le confezioni di 6 bottiglie di Barbera Dianae, senza solfiti aggiunti, con lo sconto del 10%, quindi al prezzo, per bottiglia, di 4,32€.
 
Sono vini che nascono dal rispetto della natura e della  salute di chi ci lavora praticando  la coltivazione tradizionale in vigna, con la lotta antiparassitaria guidata senza prodotti di sintesi e applicando le  tecnologie naturali senza l’utilizzo di diserbanti e concimi chimici per non forzare la produzione a discapito dell'ambiente.

 
 

La struttura della carne: acqua e grasso

La volta scorsa abbiamo indagato i due principali componenti della carne: le fibre muscolari e il tessuto connettivo. 
Abbiamo anche visto che queste due componenti si comportano in cottura in modo diverso.
Per inciso, ricordiamo che la carne viene cotta per due ragioni principali: per garantire la sicurezza alimentare  e per renderne più facile il consumo.
Preferiamo che la carne sia tenera e saporita invece che dura e asciutta: dobbiamo quindi fare in modo da minimizzare la perdita di liquidi e ottimizzare la conversione del collagene in gelatina.
Sfortunatamente queste due necessità sono piuttosto incompatibili. Per prevenire l'indurimento e la perdita di fluidi si deve fare una cottura veloce e a temperatura non superiore ai 40°C. Per trasformare il collagene in morbida gelatina  si deve cuocere a lungo a temperature superiori ai 60°C.

Quindi non esiste una regola generale per la cottura della carne e ci si deve adattare alle caratteristiche del tipo di taglio: i tagli teneri vanno cotti rapidamente, curando che non si abbia perdita di liquido, quindi per es. alla piastra, mentre i tagli più compatti vanno cotti a lungo a temperature vicine a quella di ebollizione quindi ad es. per stufatura o arrostiti lentamente.

Un altro componente della carne che finora non abbiamo preso in considerazione è il grasso. I grassi animali sono solidi a temperatura ambiente ma si sciolgono in cottura e contribuiscono a rendere appetibile la preparazione.
Il grasso contribuisce a facilitare la masticazione e quindi è preferibile che sia distribuito in piccole venature nelle fibre della carne piuttosto che essere concentrato in blocchi più grandi all'esterno.
Naturalmente quello che è ottimale dal punto di vista culinario non sempre lo è sotto l'aspetto dietetico, perché, come abbiamo visto, i grassi animali sono in gran parte saturi e quindi il loro consumo va grandemente limitato.

Per inciso ricordo che la carne di fassone piemontese che vi portiamo dall'allevatore di Cuneo, è praticamente priva di grasso perché il vitello viene alimentato solo con il foraggio che trova nel pascolo. Questo è l'enorme valore per cui abbiamo scelto questa carne: un allevamento, anch'esso perfettamente biologico, che oltre al foraggio integrasse la dieta con cereali otterrebbe nello stesso tempo una crescita in peso doppia dell'animale e quindi un maggior reddito. Con una carne più grassa e quindi più appetibile per il buongustaio ma secondo noi problematica sotto l'aspetto dietetico.

L'ultimo componete della carne è l'acqua: percentualmente è il principale perché entra nella composizione per circa il 60% ( valore per la carne di manzo) .
L'acqua è contenuta all'interno delle fibre, intrappolata dalle proteine e ha grande importanza per la cottura. 
In fase di cottura, le proteine si denaturano, ovvero si distendono, consentendo all'acqua prima intrappolata di fuoriuscire. Lo vediamo cuocendo la bistecca: dopo un certo tempo di cottura si vede del liquido che fuoriesce dalla fetta e comincia a bollire e schizzate. Alla fine di questa cottura vi ritrovate una bella bistecca asciutta, la cosiddetta suola di scarpe, perché ha perso l'acqua.
Ancora peggio capita se la carne è stata congelata, perché l'acqua che si era rappresa in cristalli di ghiaccio, durante lo scongelamento viene facilmente rilasciata dalle proteine che la contenevano e persa. Ecco perché la carne congelata ha un valore inferiore rispetto a quella fresca. 
La surgelazione invece prevede l'abbassamento di temperatura molto rapido in modo che i cristalli di ghiaccio che si formano sono così piccoli da non rompere le proteine e non fuoriuscire durante lo scongelamento.
 
 

 

 

Le prenotazioni

Animali da cortile dall'azienda Insilvis

Come gli scorsi anni, potete prenotare per i vostri pranzi natalizi i volatili da cortile che arrivano dall'azienda agricola INSILVIS di Luino.
  • Faraone intere, spennate ed eviscerate   14,7 euro al kg.
  • Capponi interi, spennati ed eviscerati        17,0 euro al kg.
  • Anatre intere, spennate ed eviscerate        15,5 euro al kg.
  • Polli interi, spennati ed eviscerati                 13,90 euro al kg.
  • Galline intere, spennate ed eviscerate          12,4 euro al kg
  • Oche intere, spennate ed eviscerate            21,5 euro al kg.

Se desiderate acquistare gli animali già sezionati sarà richiesto un supplemento di 0,8 euro al kg. 
L'allevatore ci ha riservato un congruo numero di animali, ma ci richiede una decisione rapida per poter fornire anche gli altri clienti, vi chiediamo quindi di farci avere le vostre richieste entro la prima settimana di dicembre. La consegna avverrà poi in prossimità del Natale.

Per le carni bianche di Noi e la Naturapolli allevati all'aperto, la prossima prenotazione sarà entro venerdì prossimo il 28 novembre.






Scaricate da qui le parti ordinabili e il listino. 

 

I dolci natalizi del forno di Damiano Fumagalli

Anche quest'anno possiamo avere i panettoni, le veneziane e gli altri dolci di Damiano. Sono fatti solo con ingredienti biologici, senza risparmiare né sulla qualità né sulla quantità, per darci dei dolci pieni di sapore. Non occorre ricordare che Damiano è un panettiere di Erba che lavora solo con farine bio, pasta madre vera e usa un forno a legna. Questa produzione è solo nel periodo natalizio e va prenotata per tempo.
Iniziamo da oggi fino a giovedì 4 dicembre, in modo da mettere in lista anche i nostri ordini.
I suoi panettoni non sono buoni solo per gli ingredienti e la lavorazione, ma perché sono preparati in dicembre, non hanno conservanti e occorre consumarli durante le feste.
Se avete smesso di regalare panettoni perché era diventato un dolce banale, potete ricredervi.

Anche quest'anno ci propone:
Panettone classico con e senza canditi, ( 750gr. 19€) 
Veneziana con albicocche ( 750gr. 19€) 
Veneziana al cioccolato, ( 750gr. 19€)  
Panettone Genovese ( 1kg: 19€ e 500gr. 10€) 
Stollen di Farro ( 500gr. 12€). 
Per saperne di più, compresa la lista degli ingredienti si può scaricare la presentazione.
Da ricordare: prenotazione entro il 4 dicembre.

Prenotazioni del vino Goccio
Stiamo aspettando le vostre richieste per fare il prossimo ordine di questo vino nella quantità e tipo che preferite.
Per non limitare le richieste a poche bottiglie, ancora per pochi giorni raccogliamo le vostre prenotazioni in modo da soddisfare le richieste.
Faremo in futuro anche altri ordini almeno finché sarà disponibile 
Queste le varianti di uvaggio:
Goccio Rosso 1     Uva Barbera
Goccio Rosso 2      Uva Dolcetto
Goccio Rosso 3       Uva Grignolino
Goccio Rosso 4       Uva Nebbiolo
Goccio d'oro 1         Uva Cortese


Per chi non lo conosce rimando  al sito del produttore per una descrizione dettagliata del modo di lavorare di questo particolarissima azienda agricola.
In primo luogo sia la vigna che la cantina sono condotte in modo biologico.
Il mosto non subisce filtrazioni e non vengono aggiunti i famigerati solfiti. 



L'imbottigliamento avviene in piccoli lotti in funzione delle richieste. Il tappo è sintetico per evitare gli attacchi di muffe che danno luogo al sapore di tappo.
Questa cantina non vende direttamente ma solo attraverso negozi di prodotti naturali, come Copac, a cui viene con gentilezza imposto il prezzo perché sia un prodotto di uso quotidiano alla portata di tutti.
 

Sono aperte le prenotazioni di Naturaloe, alimento naturale fresco a base di aloe arborescens, secondo la ricetta di Padre Zago, in confezione da 500 e 1000 gr.

Il succo di Aloe contiene preziosi componenti in grado di ripristinare il normale equilibrio dell'organismo. Ottimo per rigenerarsi in concomitanza del cambio di stagione.
E' un prodotto fresco che facciamo arrivare espressamente in modo da garantire che mantenga intatte le sue proprietà. Va poi conservato in frigorifero, e protetto dalla luce anche durante l'uso.
Produttore Verdi Alchimie, telefonare in negozio per prenotare e per informazioni.
 

 

 



Il pane del forno BIOPAN , arriva ogni martedì  e si prenota entro il venerdì precedente.
 
Il pane del forno IrisMargherita arriva tutte le settimane il venerdì mattina. Si prenota entro il venerdì precedente.
Per essere certi di avere la vostra pezzatura prenotate in negozio o telefonando entro il venerdì precedente.Per conoscere le varie tipologie di pane trovate qui l'elenco.

Il pane biologico da pasta madre cotto in forno a legna, dal forno di Damiano Fumagalli da Caslino d'Erba, arriva al mercoledì.
I formati che ora ci arrivano sono i seguenti:












Classico pezzatura 500g Pane di tipo integrale con farro e segale 
Paesano pezzatura 500g Pane al farro senza frumento
Tirolese pezzatura 500g Pane alla segale con semi di girasole e papavero 
Siciliano pezzatura 500g Pane alla semola di grano duro2 con semi di sesamo 
Biove Bea pezzatura 500gr Pane di grano tenero tipo 0
Valesano 350gr                  Pane alla segale
 
  

La pasta fresca biologica del Pastificio Cooperativo

 
Sempre più richiesta per la pasta del Pastificio Cooperativo di Gallarate, prodotta con materie prime freschissime, bio e grande qualità, uova col guscio, varietà di verdure poco note in un laboratorio che avrà certificazione bio.
Viene confezionata in atmosfera protettiva con scadenze di 15/20 giorni, per venire incontro sia alle esigenze di sicurezza alimentare che alle famiglie che possono acquistare un prodotto artigianale e pianificarne il suo consumo.
 
I prodotti
  • Pici/Bigoli di semola di grano duro e acqua
  • Tagliatelle,tagliolini,lasagne di farina di grano tenero,semola di grano duro e uova fresche
  • Caserecce, Radiatori e Gigli di farina di grano tenero integrale e semola di grano duro
  • caserecce,radiatori e gigli di semola di grano duro e acqua e uova fresche
  • Tortelli vegani ripieni di verdure di stagione
  • Tortelli ripieni di ricotta e verdure di stagione
  • Ravioli ripieni di brasato di manzo
  • Ravioli di zucca
  • nuove combinazioni settimanali a seconda delle disponibilità del mercato,
Li  trovate nel nostro banco dei prodotti freschi
Non sempre sono disponibili tutti i formati: per essere sicuri di non restare senza potete prenotare entro il sabato precedente secondo le consuete modalità.
Altre notizie dall'articolo di presentazione dal quotidiano La Provincia
 

Regole per prenotare
Le prenotazioni si fanno scrivendo a prenota@varesebio.it o telefonando al numero 0332 332927, ricordatevi di indicare oltre all'articolo che desiderate, il vostro nome e cognome e il numero di telefono, possibilmente cellulare, così potremo avvertirvi quando i prodotti sono disponibili.
Importante: lasciate sempre il vostro cellulare se volete essere avvisati.

Il notiziario vi aggiorna comunque ogni settimana sulle date e sulle variazioni
Telefonate pure, per chiarimenti o per avere notizie delle vostre prenotazioni.
 

 

Diventare soci della cooperativa

Copac è una cooperativa che fonda il proprio capitale sulle quote dei soci. Ciascun socio partecipa con il contributo una tantum di 25 euro a costruire il fondo economico necessario per il funzionamento della struttura economica.
Come gli articoli di questo notiziario dimostrano, un piccolo contributo di tanti permette di costruire servizi che singolarmente sarebbero impensabili.
Per questo ci occorre anche il tuo contributo, perché più soci avrà la cooperativa, più servizi e di miglior livello sarà in grado di fornire.
Non si tratta di benefici futuri, perché già ora ognuno può constatare che diventare soci conviene.
Per diventare socio, stampa e compila il modulo che trovi qui e consegnalo in negozio assieme alla quota sociale.
 
 

Diteci cosa ne pensate

Per farci conoscere il vostro parere, basta rispondere alla mail con cui ricevete il notiziario, nel programma di posta cliccate su rispondi alla mail e scrivete le vostre opinioni: ci saranno utili per fare ancora meglio. Anche ad ogni numero.


 



SOLO PER I SOCI COPAC:
Conto corrente a costo zero!

Affrettatevi si sta avvicinando la fine della convenzione, a dicembre ci sarà poco tempo.

Ecco il CONTO YOU presso la filiale del Credito Bergamasco per voi più comoda, in provincia di Varese e vicino comasco, con canone mensile pari a 0€ offre i seguenti servizi:
  • operazioni illimitate
  • Carta Bancomat
  • Carta credito prepagata
  • Libretto assegni
  • Operatività internet
  • Dossier titoli
  • Domiciliazione utenze
Sono azzerati i costi di canone mensile, spese per operazione, spese di liquidazione, prelievo bancomat gratuito sulle banche del gruppo Banco Popolare ( Popolare Novara, Popolare Lodi, Credito Bergamasco, ecc.. ), domiciliazione utenze, libretto di assegni.

Per saperne di più. . . . . . . 

Una biblioteca in Copac


Abbiamo inserito quasi tutti i titoli dei libri che avete donato, ora è scaricabile qui la prima versione dell'elenco dei libri, suddiviso per argomento, ci sono ancora molti libri da inserire, ma tra questi troverete sicuramente dei buoni spunti. 
Mentre ringraziamo i donatori che hanno fatto un ottimo lavoro, invitiamo gli altri a guardare nei propri scaffali, qualcosa di interessante da donare ci sarà di certo.

Fate rivivere i libri che stanno dormendo nella vostra libreria, mettendoli in circolo per tutti. A vostra volta potrete godere dei libri che altri hanno donato.
I libri portano idee e come il denaro, se stanno fermi non portano frutto: solo la loro circolazione, e quindi la diffusione del sapere moltiplica le opportunità.
Se ne è occupato anche il quotidiano "La Provincia", che  ha dedicato un articolo alla nostra iniziativa. Non è certo comune che un negozio di alimentari si preoccupi di diffondere maggiori conoscenze nella cerchia dei propri clienti.
Per Copac rappresenta la ragione di essere: diffondere la consapevolezza di cosa sia cibo buono e cibo spazzatura. E anche far conoscere a tutti i movimenti e le nuove idee in tema di crescita personale, di cura del proprio corpo e del proprio spirito, per ritrovare un equilibrio sempre più desiderato.
Per saperne di più continuate a leggere...............

 

Copyright © 2014 COPAC, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp