Notiziario con le novità di Copac per clienti e soci

Notiziario del 16 settembre 2014

Contenuto del notiziario
Come si produce il Parmigiano reggiano
Prenotazione parmigiano reggiano dal Caseificio del Parco
La ricetta: bocconcini di quinoa
Ritorna l'olio Galantino
Costruiamo assieme la biblioteca Copac
Le prenotazioni
Ritorna la carne bio Valtaro

Lettura del notiziario

Vi capita di non riuscire a leggere correttamente questo notiziario? In questo caso è disponibile un collegamento nella parte alta della mail che dice:
Non si riesce a leggere?
Apri la mail nel tuo browser
Cliccando sulla scritta, si aprirà la copia della newsletter  nel browser dove sarà interamente visibile.
 

Come si produce il Parmigiano Reggiano

Il Parmigiano Reggiano è prodotto esclusivamente nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e parte delle province di Mantova e Bologna, tra pianure, colline e montagne racchiuse tra il Po e il Reno dove in quattromila allevamenti le bovine vengono alimentate con foraggi prodotti in quest’area, escludendo, per regolamento sia foraggi insilati che alimenti fermentati.
I costanti controlli sul latte servono per verificare che il formaggio sia assolutamente privo di additivi o conservanti.

LAVORAZIONE
Ogni giorno, il latte della mungitura serale viene lasciato riposare sino al mattino in ampie vasche, nelle quali affiora spontaneamente la parte grassa, destinata alla produzione di burro.
La mattina seguente viene mescolato con il latte intero che arriva fresco di recente mungitura nelle caldaie di rame a forma di campana rovesciata, dove si aggiunge il caglio di vitello e il siero innesto, ricco di fermenti lattici naturali conservato dalla lavorazione del giorno precedente.
In una decina di minuti si ha la coagulazione: la cagliata che affiora viene frammentata in piccoli granelli con un attrezzo tradizionale chiamato spino.
Può iniziare ora la cottura che raggiunge i 55 gradi centigradi, al termine della quale i granuli  precipitano sul fondo della caldaia formando una massa unica.
La massa viene poi tagliata in due parti ed estratta, la si pone in una fascia che gli darà la sua forma definitiva.
Ogni forma viene contrassegnata con un numero unico e progressivo che l’accompagnerà proprio come una carta d’identità. 
Dopo alcuni giorni di consolidamento, le forme sono immerse in una soluzione di acqua e sale dove restano per un mese. 
Segue la stagionatura: le forme sono deposte su tavole di legno in enormi locali, la parte esterna della forma si asciuga formando una crosta naturale ed edibile.
Passeranno 12 mesi e arriverà il giorno del controllo: gli esperti del Consorzio di Tutela verificano ogni forma ad una ad una ed applicano su quelle approvate il marchio a fuoco del consorzio.
Sulle forme non approvate vengono incisi dei solchi orizzontali, tolti i riferimenti del formaggio e commercializzate come seconda categoria o "mezzano",



Più che la descrizione una idea precisa sulla lavorazione si può avere dalla visione dei brevi filmati del consorzio di tutela 
 

Prenotazione Parmigiano Reggiano dal Caseificio del Parco

 
Questo è il Parmigiano che trovate nel banco Formaggi di Copac: come sempre cerchiamo il meglio del gusto e della qualità, caratteristiche che bisogna trovare con pazienza e attenzione al di fuori delle consuete proposte.
Desideriamo che tutti possano provare il gusto di un prodotto speciale, quindi avviamo una prenotazione,  fino venerdì prossimo, aperto a tutti, soci e non.


Parmigiano Reggiano in confezione sottovuoto stagionatura oltre 24 mesi:
Partizionato in tranci di 1 kg : al kg. 19,40€
Partizionato in tranci di 1/2kg: al kg 19,95€

La prenotazione ci permette di acquistare una maggiore quantità, risparmiando sui costi di trasporto e il prodotto arriva direttamente sulla vostra tavola con la massima freschezza.

Per saperne di più  visitate il sito del Caseificio del Parco..

Da vedere anche un estratto dalla trasmissione Linea Verde di Rai 1, dove potete conoscere direttamente i luoghi e le persone che lavorano questo formaggio.
 

La ricetta: bocconcini di Quinoa

Per 4-5 persone:

  • 150 gr di quinoa,

  • 2 zucchine piccole

  •  un limone

  •  un uovo

  •  50 gr di parmigiano grattugiato

  •  zenzero, sale e pepe q.b

 Aiutandovi con un colino, lavate bene la quinoa in abbondante acqua fredda sciacquandola fin quando l'acqua non apparirà limpida e del tutto trasparente. Questa operazione è molto importante, occorre infatti togliere la saponina, una sorta di resina responsabile del sapore amaro della quinoa non trattata. In alternativa seguite le indicazioni per la cottura riportate sulla confezione.
Fatela ora lessare in acqua salata per 20 minuti.
A cottura terminata i chicchi si saranno gonfiati, avendo assorbito parte dell'acqua; scolateli e passateli velocemente sotto un getto di acqua fredda
Lavate le zucchine e sbucciatele e fate lo stesso con la radice di zenzero. Grattugiate sia le zucchine che lo zenzero e aggiungete la quinoa lessata.
Unite il parmigiano reggiano grattugiato, un uovo intero, la buccia di un limone sempre grattugiata, sale e pepe quanto basta.  
Amalgamate bene fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo.  
Con l'impasto ottenuto riempite le formine di carta da forno e metteteli su una teglia.  
Ora infornate nel forno già caldo a 180° e cuocete per 25 minuti, i bocconcini saranno cotti quando li vedrete dorati.
Levateli dal forno per non farli seccare troppo e serviteli tiepidi.

 

E' ritornato l'olio Galantino

Da settimana scorsa è di nuovo in offerta l'olio extra vergine di oliva del Frantoio Galantino di Bisceglie, al prezzo speciale solo per i soci:
Olio Extra vergine Biologico Latta 5 litri
40,97€ sconto 15% invece di 48,20€
Olio Extra vergine gusto delicato Latta 5 litri
37,57 sconto 15% invece di 44,20€
Il Frantoio Galantino ha 47 ettari di uliveto sui quali ci sono 10000 piante di ulivo, dalle quali ricava la produzione più pregiata.

Galantino è stato pluripremiato per la qualità e la cura dei propri prodotti ed è presente nella guida agli Oli extravergini di Slow Food.
Sul loro sito trovate un bel ricettario con piatti basati sull'olio d'oliva, ben studiati e presentati, da scaricare.


 


La richiesta è grande e continueremo a rifornirci, se volete essere ancora più sicuri di non rimanere senza, riservate la vostra latta in modo che resti a vostra disposizione.
Se visitate il sito del frantoio, troverete che producono una grande varietà di oli e di prodotti sottolio, di grande qualità, che vanno bene anche per fare dei regali.
Se vi interessa qualche prodotto, richiedetelo: lo faremo arrivare per voi in occasione del primo ordine.


 

Costruiamo assieme la biblioteca Copac

Stanno arrivando i primi pacchi di libri, siamo felici che il messaggio sia stato compreso e immaginiamo già il grande interesse che la nostra biblioteca potrà generare. 
I titoli che abbiamo ricevuto sono davvero stimolanti e coprono già una bella fetta degli interessi: andiamo da libri sulle qualità dei formaggi a quelli che trattano tecniche di salute come l'uso dei fiori di Bach fino a quelli rivolti al miglioramento di sé stessi.

Vi abbiamo chiesto di donare i vostri libri, che non usate più e che ora sono inutilizzati in modo rinascano a nuova vita per un utilizzo condiviso.
Appena ne avremo un discreto numero potremo iniziare con i prestiti, quindi prima arrivano i libri, prima partiamo.
Ogni libro avrà inserita una etichetta che riporta il nome del donatore, se lo desidera, e l'elenco dei libri sarà disponibile sul sito. 

Fate rivivere i libri che stanno dormendo nella vostra libreria, mettendoli in circolo per tutti. A vostra volta potrete godere dei libri che altri hanno donato.

I libri portano idee e come il denaro, se stanno fermi non portano frutto: solo la loro circolazione, e quindi la diffusione del sapere moltiplica le opportunità.

Per saperne di più continuate a leggere...............
 
 
 

Diventare soci della cooperativa

Copac è una cooperativa che fonda il proprio capitale sulle quote dei soci. Ciascun socio partecipa con il contributo una tantum di 25 euro a costruire il fondo economico necessario per il funzionamento della struttura economica.
Come gli articoli di questo notiziario dimostrano, un piccolo contributo di tanti permette di costruire servizi che singolarmente sarebbero impensabili.
Per questo ci occorre anche il tuo contributo, perché più soci avrà la cooperativa, più servizi e di miglior livello sarà in grado di fornire.
Non si tratta di benefici futuri, perché già ora ognuno può constatare che diventare soci conviene.
Per diventare socio, stampa e compila il modulo che trovi qui e consegnalo in negozio assieme alla quota sociale.
 

 

Le prenotazioni

Ultimi giorni: la carne bio dai pascoli dell'alto appennino

Valtaro è un consorzio di allevatori di alta montagna che si sono uniti per meglio competere con le aziende di pianura. 
Fanno pascolo estensivo sull'alto Appennino tra Emilia e Toscana, con mandrie libere quasi tutto l'anno allo stato brado.
Ci forniscono i tagli di carne sottovuoto, senza limite minimo di acquisto, abbiamo quindi una proposta adatta anche ai piccoli nuclei familiari.
Le prenotazioni sarebbero terminate, ma possiamo inserire qualche aggiunta dell'ultimo momento, quindi se non l'avete ancora fatto affrettatevi a fare la vostra richiesta.
Aspettiamo l'arrivo della carne il 25 settembre. 
L'anticipo nella prenotazione è necessario perché la carne rossa richiede un periodo di frollatura di almeno due settimane. 

Anche questi animali sono allevati all'aperto e la carne biologica è di grande qualità.
Listino ed elenco dei tagli disponibili

 

 Le carni bianche di Noi e la Natura, 

 sono polli allevati all'aperto, ultima settimana per prenotare per la prossima consegna: si prenota fino a venerdì 19 settembre e l'arrivo sarà settimana prossima il 23 settembre 
Scaricate da qui le parti ordinabili e il listino.







Il pane del forno BIOPAN , arriva ogni martedì  e si prenota entro il venerdì precedente.
 



Il pane del forno IrisMargherita arriva tutte le settimane il venerdì mattina. Si prenota entro il venerdì precedente.
Per essere certi di avere la vostra pezzatura prenotate in negozio o telefonando entro il venerdì precedente.
Per conoscere le varie tipologie di pane trovate qui l'elenco.

Le prenotazioni di Naturaloe, alimento naturale fresco a base di aloe arborescens, secondo la ricetta di Padre Zago, in confezione da 500 e 1000 gr. ripartono per la prossima scadenza. In questo caso non abbiamo date fisse, ma facciamo partire l'ordine quando c'è un numero sufficiente di richieste, 
Regole per prenotare
Le prenotazioni si fanno scrivendo a prenota@varesebio.it o telefonando al numero 0332 332927, ricordatevi di indicare oltre all'articolo che desiderate, il vostro nome e cognome e il numero di telefono, possibilmente cellulare, così potremo avvertirvi quando i prodotti sono disponibili.
Telefonate pure, per chiarimenti o per avere notizie delle vostre prenotazioni.
 

SOLO PER I SOCI COPAC: Conto corrente a costo zero!

Ecco il CONTO YOU presso la filiale del Credito Bergamasco per voi più comoda, in provincia di Varese e vicino comasco, con canone mensile pari a 0€ offre i seguenti servizi:
  • operazioni illimitate
  • Carta Bancomat
  • Carta credito prepagata
  • Libretto assegni
  • Operatività internet
  • Dossier titoli
  • Domiciliazione utenze

Sono azzerati i costi di canone mensile, spese per operazione, spese di liquidazione, prelievo bancomat gratuito sulle banche del gruppo Banco Popolare ( Popolare Novara, Popolare Lodi, Credito Bergamasco, ecc.. ), domiciliazione utenze, libretto di assegni.



Per saperne di più leggete la pagina di presentazione
 

 
Copyright © 2014 COPAC, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp