Notiziario con le novità di Copac per clienti e soci

Notiziario del 28 ottobre 2014

Contenuto del notiziario
Le castagne: la ricetta Risotto con castagne
Additivi alimentari da evitare: gli edulcoranti
Le noci di romagna: la ricetta Torta integrale di pere e noci
E' arrivato il vino Goccio Rosso 1, 2 e  3 e Oro 1
La patata etica
Prenotazioni
Le prenotazioni della carne piemontese 

 

Le castagne della Val Susa

Sono arrivate le castagne direttamente da amici raccoglitori che lavorano nei castagneti della Val di Susa, di agricoltori come Luca Abbà.
In Val di Susa le castagne sono coltivate da centinaia di anni e il frutto locale più pregiato ha la denominazione IGP di Marrone della Valle di Susa.
In queste poche settimane possiamo godere delle castagne fresche, poi useremo quelle secche e la farina, quindi con ricette e preparazioni diverse.
 

La ricetta: Risotto con castagne

Si prepara come un risotto con salsiccia, ma l'aggiunta delle castagne dà un tocco diverso.
Ingredienti per 4 persone:
  • 400 g di castagne
  • 2 foglie d’alloro
  • 1 cipolla piccola
  • 150 g di salsiccia
  • burro
  • 300 g di riso Baldo Cascine Orsine
  • brodo
  • sale


Preparazione:
Lessate le castagne in acqua salata con una foglia d’alloro per circa 30 minuti. Pelatele,togliendo buccia e pellicina  cercando di non romperle.
Fate un soffritto di cipolla e unite la salsiccia sbriciolata e una foglia d’alloro.
Quando la salsiccia sarà ben asciugata aggiungete un terzo delle castagne e fate insaporire anche loro nel soffritto. Non importa se queste si rompono.
Buttate ora il riso nella pentola, mescolate e continuate la cottura bagnandolo con il brodo caldo man mano che asciuga. Quando il riso sarà quasi cotto unite le altre castagne intere, togliete la foglia di alloro e servite dopo aver mantecato con una noce di burro.
 

Le noci bio di Romagna

Sono arrivate le noci del raccolto 2014, come gli scorsi anni dalla azienda agricola  San Martino che si trova nei dintorni di Forlì. Sono della varietà Chandler, dal guscio sottile e un gheriglio bianchissimo. Vanta un sapore delicato e amabile, con retrogusto che ricorda il miele. Ha una pezzatura media, oltre 32 mm. Oltre che sgusciarle, ed è facile perché questa varietà ha la caratteristica di avere un guscio che si rompe facilmente.

 

La ricetta: torta integrale di pere e noci.


Ingredienti per 6 persone
 
  • 180 gr. di farina integrale
  • 70 gr. di noci sgusciate
  • 1 cucchiaio di rhum
  • 1/2 cucchiaio di cannella in polvere
  • 75 gr di olio ev di oliva leggero preferibilmente ligure
  • 130 gr. di zucchero di canna
  • 2-3 pere circa 600 grammi
  • 1 dl. di latte
  • 2 uova
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 1 pizzico di sale

Tritate le noci a pezzetti piccoli ma non micro. Rivestite una teglia di 28 cm. di diametro con carta da forno inumidita in modo che aderisca tutt'attorno. Sbattete le uova con 100 gr. di zucchero, il sale e la scorsa del limone usando un frusta elettrica.
Quando il tutto diventa chiaro e spumoso, aggiungete le noci tritate, il rhum, la cannella e l'olio. Continuate a mescolare aggiungendo la farina e il lievito, gradualmente passandoli in un setaccio e poi il latte tiepido anch'esso gradualmente.
Quando l'impasto sarà omogeneo versatelo nella tortiera spianandolo con una spatola.
Sbucciate le pere, fatele a spicchi e disponeteli sull'impasto facendoli affondare anche un poco in forma di raggiera. Spolverizzate lo zucchero rimanente e cuocete in forno già caldo per circa 40 minuti a 180°.

 

 Additivi alimentari da evitare: edulcoranti

Zucchero e dolcificanti artificiali sono da sempre al centro dei dibattiti su dieta e nutrizione.
Aspartame E951
Molta discussione è stata fatta sui presunti rischi dell’aspartame, un edulcorante ottenuto da due aminoacidi e presente in centinaia di prodotti al posto dello zucchero per azzerare o ridurre drasticamente le calorie.
La Fondazione Europea Ramazzini (FER) di Bologna, ha evidenziato la possibilità di azione cancerogena sui topi, provocando linfomi, leucemia, cancro ai reni ecc.
L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa)  ritiene invece che l'aspartame sia sicuro se non si supera la dose DGA stabilita di 40 mg/kg di peso corporeo/giorno. 
Nel 2013 EFSA è ancora intervenuta per confermare la sicurezza della dose giornaliera ammissibile dichiarando che i rischi sono dovuti alla presenza di fenilalanina, un aminoacido che può creare disturbi solo ai malati di una malattia rara. Non superando la dose DGA non ci sono rischi.

L’aspartame E951 è un edulcorante artificiale a basso tenore calorico, con un potere dolcificante di circa 200 volte superiore rispetto a quello dello zucchero. In Europa è autorizzato l’uso, a determinati livelli, in: bevande, gomme da masticare, prodotti lattieri, di pasticceria, dietetici e per il controllo del peso, oltre ad essere impiegato come edulcorante da tavola. Un limite dell'aspartame è che non può essere usato a temperature elevate e quindi non può essere usato nei prodotti da forno.
In conclusione non ci dovrebbero essere rischi legati al consumo di aspartame a dosi moderate, ma si tratta di un prodotto degno di far parte dei nostri alimenti? 
Il fatto è che gli edulcoranti rafforzano l'abitudine di usare alimenti dolci, in particolare presso i bambini. L'abitudine al dolce perpetua il consumo di alimenti dolcificati e se fatta regolarmente e in quantità aumenta il rischio di obesità e diabete.

ll sucralosio E955
E' un dolcificante di sintesi con una capacità di zuccherare 6 volte più dello zucchero.
La dose ammessa in Europa è di 15mg/kg di massa corporea al giorno. Non esistono controindicazioni ma ci sono degli studi che indicano possibilità di risposta insulinica aumentata se consumato in associazione a glucosio.
In conclusione valgono le stesse considerazioni fatte per l'aspartame: meglio non abituarsi al gusto dolce anche usando dolcificanti di sintesi per evitare il bisogno di aumentare le dosi usate.

La prossima settimana, prenderemo in esame nitrati e nitriti.
Continua . . . . . 


 

E' arrivato il vino Goccio Rosso 1, 2 e  3 e Oro 1

Torna finalmente questo vino richiestissimo. Vi rimando  al sito del produttore per una descrizione dettagliata del modo di lavorare di questo particolarissima azienda agricola.
In primo luogo sia la vigna che la cantina sono condotte in modo biologico.
Il mosto non subisce filtrazioni e non vengono aggiunti i famigerati solfiti.

L'imbottigliamento avviene in piccoli lotti in funzione delle richieste. Il tappo è sintetico per evitare gli attacchi di muffe che danno luogo al sapore di tappo.
Questa cantina non vende direttamente ma solo attraverso negozi di prodotti naturali, come Copac, a cui viene con gentilezza imposto il prezzo perché sia un prodotto di uso quotidiano alla portata di tutti.
Una spiegazione particolare la merita il nome: manca completamente l'indicazione del vitigno, sostituita dai numeri 1 2 .. 3. La spiegazione è logicamente comprensibile, anche se commercialmente un po' meno. Avendo scelto di non far parte delle DOC, il vino viene commercializzato come generico e non può quindi riportare alcuna indicazione, ecco quindi i numeri. Ma si poteva inventare anche qualcosa di meglio!
Lo so che ora vi aspettate la tabella di conversione:
Goccio Rosso 1     Uva Barbera
Goccio Rosso 2      Uva Dolcetto
Goccio Rosso 3       Uva Grignolino
Goccio Rosso 4       Uva Nebbiolo

Goccio d'oro 1         Uva Cortese
Goccio d'oro 2         Misto uva Cortese e uva Moscato


Se lo volete affrettatevi perché le richieste in attesa sono tante!  Ma per favore cercate di non fare incetta in modo che ce ne sia per tutti. Ne faremo arrivare ancora!
 

La patata etica

Sono arrivate le patate coltivate nell'ambito del progetto "Patata Etica Locale"
Si tratta di uno sforzo di collaborazione tra produttori ( aziende agricole e appassionati conduttori di orti) e consumatori, che assieme si sono dati delle regole di coltivazione secondo i protocolli bio, hanno acquistato le sementi, si sono consultati sulle tecniche, si sono verificati a vicenda durate la coltivazione, hanno poi definito i prezzi di vendita in modo da garantire al produttore un giusto margine.
Le varietà che abbiamo ricevuto sono:

Le Patate Désirée (Solanum Tuberosum), particolarmente farinose, sono una prelibatezza sia fritte che bollite. Le Patate Désirée hanno la buccia rossa e la polpa gialla. Questa patata si conserva bene, ha una produzione abbondante e resiste alla malattia del tubero.

La Patata Kennebec si presenta con una forma tonda ovale, una buccia irregolare e un colore bianco forte. Con questa patata si possono realizzare piatti in umido, purè e patate lesse. Questa varietà di patate cresce molto bene anche in assenza di acqua; per questo motivo viene largamente utilizzata nelle coltivazioni montane.

La Patata Mona Lisa (Solanum Tuberosum) ha forma ovale e buccia e polpa gialla. Si raccoglie a giugno. La Patata Mona Lisa non scuoce, ha un gusto delicato e non cambia colore dopo la cottura.



La collaborazione tra produttori e consumatori ha anche il compito di selezionare le varietà e le tecniche di coltivazione più adatte al nostro territorio e ai campi disponibili che non sempre sono adatti.  
Per esempio la patata kennebec, se coltivata a bassa quota in terreni compatti e con condizioni meteorologiche piovose, come quelle di quest'anno, tende ad assorbire una maggior quantità di acqua, per cui nella preparazione dei purè diventa collosa e si rompe durante la bollitura. 
 

Le prenotazioni

Ritorna la carne piemontese: settimana prossima la consegna


Le prenotazioni della carne piemontese sono concluse, ma abbiamo richiesto all'allevatore una quota ulteriore: quindi se non l'avete ancora fatto fateci avere la prenotazione. Accettiamo con riserva salvo disponibilità, in particolare ricordate che oltre alle cassette descritte sotto è possibile richiedere dei tagli singoli prendendo come riferimento il listino dei tagli Valtaro. Ripeto con riserva di disponibilità.
Parliamo della carne biologica di fassone piemontese, dell'azienda agricola Battesorio: capi allevati all'aperto per la gran parte dell'anno, senza forzature, senza grasso e quindi, come sa chi aspetta questo avvenimento, di una qualità eccezionale.
Si vende a cassette da 5kg. o da 10kg. al costo per i non soci di 17,37 euro al kg, i soci Copac hanno diritto ad uno sconto speciale del 8% per cui il prezzo per i soli soci è di 15,98 euro al kg.








 

Il prossimo arrivo della carne da Valtaro,  sarà il 20 novembre, e si deve prenotare entro questa settimana.

La sovrapposizione con l'arrivo della carne piemontese può creare confusione, manterremo aperte le prenotazioni più a lungo possibile, compatibilmente con le esigenze di lavorazione del consorzio. Vi terremo aggiornati con il notiziario tutte le settimane.


Ricominciano le prenotazioni  Le carni bianche di Noi e la Natura, polli allevati all'aperto,
Scaricate da qui le parti ordinabili e il listino. 
Si prenota fino al 7 novembre, con arrivo il giovedì seguente

Il pane del forno BIOPAN , arriva ogni martedì  e si prenota entro il venerdì precedente.
 
Il pane del forno IrisMargherita arriva tutte le settimane il venerdì mattina. Si prenota entro il venerdì precedente.
Per essere certi di avere la vostra pezzatura prenotate in negozio o telefonando entro il venerdì precedente.
Per conoscere le varie tipologie di pane trovate qui l'elenco.

Mercoledì  nuovo arrivo di pane biologico da pasta madre cotto in forno a legna, dal forno di Damiano Fumagalli da Caslino d'Erba. 

Regole per prenotare
Le prenotazioni si fanno scrivendo a prenota@varesebio.it o telefonando al numero 0332 332927, ricordatevi di indicare oltre all'articolo che desiderate, il vostro nome e cognome e il numero di telefono, possibilmente cellulare, così potremo avvertirvi quando i prodotti sono disponibili.
Importante: lasciate sempre il vostro cellulare se volete essere avvisati.

Il notiziario vi aggiorna comunque ogni settimana sulle date e sulle variazioni
Telefonate pure, per chiarimenti o per avere notizie delle vostre prenotazioni.
 

La pasta fresca biologica del Pastificio Cooperativo

Grande richiesta per la pasta del



La produzione utilizza materie prime freschissime, uova col guscio, usa anche varietà di verdure poco note operando in un bio-laboratorio che avrà certificazione bio.

La pasta fresca viene confezionata in atmosfera protettiva con scadenze di 15/20 giorni, per venire incontro sia alle esigenze di sicurezza alimentare che alle famiglie che possono acquistare un prodotto artigianale e pianificarne il suo consumo.
Le materie prime utilizzate sono bio e di grandissima qualità: 

I prodotti
  • Pici/Bigoli di semola di grano duro e acqua
  • Tagliatelle,tagliolini,lasagne di farina di grano tenero,semola di grano duro e uova fresche
  • Caserecce, Radiatori e Gigli di farina di grano tenero integrale e semola di grano duro
  • caserecce,radiatori e gigli di semola di grano duro e acqua e uova fresche
  • Tortelli vegani ripieni di verdure di stagione
  • Tortelli ripieni di ricotta e verdure di stagione
  • Ravioli ripieni di brasato di manzo
  • nuove combinazioni settimanali a seconda delle disponibilità del mercato,
Li  trovate nel nostro banco dei prodotti freschi
Non sempre sono disponibili tutti i formati: per essere sicuri di non restare senza potete prenotare entro il sabato precedente secondo le consuete modalità.

Per saperne di più leggete l'articolo di presentazione dal quotidiano La Provincia
 

 

Diventare soci della cooperativa

Copac è una cooperativa che fonda il proprio capitale sulle quote dei soci. Ciascun socio partecipa con il contributo una tantum di 25 euro a costruire il fondo economico necessario per il funzionamento della struttura economica.
Come gli articoli di questo notiziario dimostrano, un piccolo contributo di tanti permette di costruire servizi che singolarmente sarebbero impensabili.
Per questo ci occorre anche il tuo contributo, perché più soci avrà la cooperativa, più servizi e di miglior livello sarà in grado di fornire.
Non si tratta di benefici futuri, perché già ora ognuno può constatare che diventare soci conviene.
Per diventare socio, stampa e compila il modulo che trovi qui e consegnalo in negozio assieme alla quota sociale.
 
 

Diteci cosa ne pensate

Per farci conoscere il vostro parere, basta rispondere alla mail con cui ricevete il notiziario, nel programma di posta cliccate su rispondi alla mail e scrivete le vostre opinioni: ci saranno utili per fare ancora meglio. Anche ad ogni numero.


 



SOLO PER I SOCI COPAC:
Conto corrente a costo zero!

Ecco il CONTO YOU presso la filiale del Credito Bergamasco per voi più comoda, in provincia di Varese e vicino comasco, con canone mensile pari a 0€ offre i seguenti servizi:
  • operazioni illimitate
  • Carta Bancomat
  • Carta credito prepagata
  • Libretto assegni
  • Operatività internet
  • Dossier titoli
  • Domiciliazione utenze
Sono azzerati i costi di canone mensile, spese per operazione, spese di liquidazione, prelievo bancomat gratuito sulle banche del gruppo Banco Popolare ( Popolare Novara, Popolare Lodi, Credito Bergamasco, ecc.. ), domiciliazione utenze, libretto di assegni.

Per saperne di più. . . . . . . 

Una biblioteca in Copac


Grazie all'aiuto di un gentile socio, stiamo iniziando a classificare i libri, che continuano ad arrivare lasciandoci stupiti e desiderosi di leggere.
Ancora qualche libro preso a caso tra gli ultimi arrivati:

 
  • F.Fisher Chimica pulita Per un uso intelligente delle materie prime Ed. Tecniche nuove
  • R.Panigatti Guariti Le storie vere di chi ha scelto la salute d. TEA
  • P.D'Adamo L'alimentazione su misura Ed. Sperling 
  • H.Shelton Nutrizione superiore Ed. Igiene naturale
  • I.Marchi Teoria e pratica del Training Autogeno ed. Demetra
  • P.Waring Feng Shui Ed.MEB
 
Grazie ai donatori e un simpatico invito agli altri a guardare nei propri scaffali, qualcosa di interessante da donare ci sarà di certo.

Fate rivivere i libri che stanno dormendo nella vostra libreria, mettendoli in circolo per tutti. A vostra volta potrete godere dei libri che altri hanno donato.

 
I libri portano idee e come il denaro, se stanno fermi non portano frutto: solo la loro circolazione, e quindi la diffusione del sapere moltiplica le opportunità.
Se ne è occupato anche il quotidiano "La Provincia", che  ha dedicato un articolo alla nostra iniziativa. Non è certo comune che un negozio di alimentari si preoccupi di diffondere maggiori conoscenze nella cerchia dei propri clienti.
Per Copac rappresenta la ragione di essere: diffondere la conspevolezza di cosa sia cibo buono e cibo spazzatura. E anche far conoscere a tutti i movimenti e le nuove idee in tema di crescita personale, di cura del proprio corpo e del proprio spirito, per ritrovare un equilibrio sempre più desiderato.
Per saperne di più continuate a leggere...............

 

Copyright © 2014 COPAC, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp